Archivi categoria: Avvento

Vieni Signore Gesù

Vieni Signore Gesù

Quando il nostro cuore si svuota della speranza e si riempie di scoraggiamento. 

Quando il nostro cuore si svuota dell’amore e si riempie di rancore. 

Quando il nostro cuore si svuota della luce e si riempie di incertezze sulle scelte da fare. 

Quando il nostro cuore è stanco e affaticato per il peso della croce che portiamo. 

Quando il nostro cuore si svuota della Grazia e si riempie del peccato. 

Quando il nostro cuore non ti riconosce e non ti vede nella vita quotidiana, e si riempie di sfiducia. 

Vieni Signore Gesù e riempi il nostro cuore di te!
Annunci

Donaci intelligenza

Vieni, Signore Gesù,
donaci l’intelligenza per vagliare ogni cosa
e la forza per scegliere ciò che è buono.
Donaci la voce per gridare di prepararti la strada,
e coraggio per essere i primi a prepararla.

Donaci la capacità di essere sempre lieti
anche quando la tua parola,
che innalza i piccoli e abbassa i forti,
ci pone contro la logica umana.

Donaci di consolare chi sta peggio di noi,
di confortare chi soffre più di noi,
di rallegrare chi ha meno gioia di noi,
di farci vicini a chi ha bisogno di noi.
Amen!

(Tonino Lasconi)

Preghiera di AVVENTO: Signore, abbiamo bisogno di te.

Signore, abbiamo bisogno di te.
È Avvento, di nuovo. Come ogni anno. Come ogni periodo che precede il Natale. Come ogni tempo in cui l’uomo attende. E spera. E lavora perché “l’arrivo”, quell’arrivo sia ancora più importante, più partecipato.
Signore, abbiamo bisogno di te.
È Avvento, di nuovo. Un Avvento – come ce ne sono stati nella storia – contrassegnato da venti di guerra, da dolori e da sconfitte, da ansie e da paure. Come ai profeti una volta, anche oggi a noi il Signore, però, torna a dire: “Preparate le mie vie”.
Signore, abbiamo bisogno di te.
È Avvento, di nuovo. Ma è Avvento ogni giorno se l’uomo si impegna perché la giustizia e la pace possono nascere ancora, come in quella notte nella stalla di Betlemme. È Avvento ogni momento se il credente combatte per una giustizia per tutti, e non per pochi; per gli ultimi anziché per i primi.
Signore, abbiamo bisogno di te.
È Avvento, di nuovo. È Avvento ogni giorno se sapremo leggere questo periodo come attesa per riscoprire la nostra identità di uomini e di cristiani; la nostra spiritualità di figli di Dio; la nostra verità di custodi di un messaggio di salvezza; la nostra realtà di battezzati nella Chiesa e per la Chiesa.
Signore, abbiamo bisogno di te.
E con te, abbiamo bisogno degli altri, di tutti gli altri. Nostri fratelli, nel pellegrinaggio comune che ci conduce al tuo regno, già presente e non ancora goduto; già in noi e non ancora disgelato.
Signore, abbiamo bisogno di te.
Perché attraverso il nostro impegno in questo Avvento si possa, finalmente, vivere un Natale un po’ meno di guerra, almeno nei nostri cuori.
Signore, abbiamo bisogno di te.
Per ridare vigore alla vita, stupenda e da te donata e salvata. Troppe “ossa aride” abitano i nostri giorni. Tante sono le malinconie generate da fatue libertà.
Signore, abbiamo bisogno di te.
Noi ti crediamo anche se ci viene la tentazione dei primi discepoli di volerti vedere e sappiamo che sei con noi sempre in attesa di vederti quando tu vorrai e verrai. Qui, ora, ci custodisca la maternità di Maria e della Chiesa.
Amen!

(Dal web)

SIGNORE GESÙ, VIENI ACCANTO A NOI!

SIGNORE GESÙ, VIENI ACCANTO A NOI!

Signore Gesù,
vieni accanto a noi!
Come un pastore buono,
prendici in braccio e consolaci.
Parla al nostro cuore,
e scaccia da noi la paura
di camminare sulle tue strade.

Aiutaci a non trattenere per noi
i doni della tua bontà,
ma a trafficarli generosamente,
per colmare i vuoti dell’indifferenza
ed eliminare gli inciampi dell’egoismo.

Signore Gesù,
aiutaci a vivere
nella santità della condotta
e nelle preghiere,
affinché la misericordia e la verità,
la giustizia e la pace si incontrino
anche nella nostra vita.

(Tonino Lasconi)

VIENI, SIGNORE GESÙ


VIENI, SIGNORE GESÙ!

Ti aspettiamo, Signore Gesù!
Lasciati incontrare.
Non lasciarci vagare lontano da te,
perché le nostre strade
sono vuote e tristi senza di te.

Noi ci rimettiamo in viaggio verso di te
per praticare con gioia la giustizia.
Aiutaci a essere vigilanti
per sentire e riconoscere i tuoi passi,
e seguirti sui sentieri della pace e dell’amore.

Vieni, Signore Gesù!
Non lasciarci trovare addormentati.Senza di te diventeremmo come foglie secche.

Aiutaci a tenere gli occhi apertiper guardare la vita con i tuoi occhi.

(Tonino Lasconi)

Vegliare

E’ necessario studiare da vicino la parola “vegliare”; bisogna studiarla
perché il suo significato non è così evidente come si potrebbe credere a
prima vista e perché la Scrittura la adopera con insistenza. Dobbiamo non
soltanto credere, ma vegliare; non soltanto amare, ma vegliare; non soltanto
obbedire, ma vegliare.
Vegliare perché?
Per questo grande evento: la venuta di Cristo.
Cos’è dunque vegliare?
Credo lo si possa spiegare così. Voi sapete cosa significa attendere un
amico, attendere che arrivi e vederlo tardare? Sapete cosa significa essere
in compagnia di gente che trovate sgradevole e desiderare che il tempo passi
e scocchi l’ora in cui potrete riprendere la vostra libertà? Sapete cosa
significa essere nell’ansia per una cosa che potrebbe accadere e non accade;
o di essere nell’attesa di qualche evento importante che vi fa battere il
cuore quando ve lo ricordano e al quale pensate fin dal momento in cui
aprite gli occhi?
Sapete cosa significa avere un amico lontano, attendere sue notizie e
domandarvi giorno dopo giorno cosa stia facendo in quel momento e se stia
bene?
Sapete cosa significa vivere per qualcuno che è vicino a voi a tal punto che
i vostri occhi seguono i suoi, che leggete nella sua anima, che vedete tutti
i mutamenti della sua fisionomia, che prevedete i suoi desideri, che
sorridete del suo sorriso e vi rattristate della sua tristezza, che siete
abbattuti quando egli è preoccupato e che vi rallegrate per i suoi successi?
Vegliare nell’attesa di Cristo è un sentimento di rassomiglianza a questo,
per quel tanto che i sentimenti di questo mondo sono in grado di raffigurare
quelli dell’altro mondo.
Veglia con Cristo chi non perde di vista il passato mentre sta guardando
all’avvenire, e completando ciò che il suo Salvatore gli ha acquistato, non
dimentica ciò che egli ha sofferto per lui.
Veglia con Cristo chi fa memoria e rinnova ancora nella sua persona la croce
e l’agonia di Cristo, e riveste con gioia questo mantello di afflizione che
il Cristo ha portato quaggiù e ha lasciato dietro a sé quando è salito al
cielo.
(John Henry Newman)

>O Piccolo Bambino!

>

O Piccolo Bambino!
Mio unico tesoro,
 mi abbandono ai tuoi Capricci Divini.
 Altra gioia non voglio
che quella di farti sorridere.
Imprimi in me le tue grazie
e le tue virtù infantili,
affinché nel giorno della mia nascita al Cielo,
gli angeli e i santi
 le riconoscono nella tua piccola sposa.
(S. Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo.)