Archivi categoria: Ringraziamento

Quando vi radunate …spesso, le forze di Satana sono annientate



Procurate di riunirvi più frequentemente per il rendimento di grazie e per la lode a Dio. Quando vi radunate …spesso, le forze di Satana sono annientate e il male da lui prodotto viene distrutto nella concordia della vostra fede. Nulla è più prezioso della pace, che disarma ogni nemico terrestre e spirituale.
Nessuna di queste verità vi rimarrà nascosta se saranno perfetti la vostra fede e il vostro amore per Gesù Cristo. Queste due virtù sono il principio e il fine della vita: la fede è il principio, l’amore il fine. L’unione di tutte e due è Dio stesso, e le altre virtù che conducono l’uomo alla perfezione ne sono una conseguenza.

Chi professa la fede non commette il peccato e chi possiede l’amore non può odiare. «Dal frutto si conosce l’albero» (Mt 12, 33): così quelli che fanno professione di appartenere a Cristo si riconosceranno dalle loro opere. Ora non si tratta di fare una professione di fede a parole, ma di perseverare nella pratica della fede fino alla fine.

E’ meglio essere cristiano senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo. E’ cosa buona insegnare, se chi parla pratica ciò che insegna. Uno solo è il maestro, il quale «parla e tutto è fatto» (Sal 32, 9), e anche le opere che egli fece nel silenzio sono degne del Padre. Chi possiede veramente la parola di Gesù è in grado di capire anche il suo silenzio e di giungere così alla perfezione. Egli con la sua parola opererà e con il suo silenzio si farà conoscere.

Nulla è nascosto al Signore; anche i nostri segreti sono davanti al suo sguardo. Facciamo dunque ogni cosa nella consapevolezza che egli abita in noi, perché possiamo essere suo tempio e perché egli in noi sia il nostro Dio. Così è di fatto e lo vedremo con i nostri occhi se giustamente lo amiamo.

Non illudetevi, fratelli miei; coloro che corrompono le famiglie non erediteranno il regno di Dio (cfr. 1 Cor 6, 9-10). Se coloro che così fecero secondo la carne furono puniti con la morte, quanto più non dovrà essere punito colui che con perversa dottrina corrompe la fede divina, per la quale Gesù Cristo è stato crocifisso? Un uomo macchiatosi di un tale delitto andrà nel fuoco inestinguibile, e così pure chi lo ascolta.

Il Signore ha ricevuto sul suo corpo un’unzione preziosa, perché si diffondesse nella sua Chiesa il profumo dell’immortalità. Guardatevi dunque dalle pestifere esalazioni del principe di questo mondo, cioè dai suoi errori, perché non vi trascini in schiavitù, lontano dalla vita che vi aspetta. Perché non diventiamo tutti saggi, ricevendo la conoscenza di Dio, che è Gesù Cristo? Perché corriamo stoltamente alla rovina, per l’ignoranza del dono che il Signore ci ha benignamente concesso?
Il mio spirito non è che un nulla, ma è associato alla croce, la quale se è scandalo per gli increduli, per noi invece è salvezza e virtù eterna (cfr. 1 Cor 1, 20-23).

(Dalla «Lettera agli Efesini» di sant’Ignazio di Antiochia, vescovo e martire)
Annunci

Grazie, Signore!

Grazie, Signore,
per questo nuovo giorno di vita.
Un giorno che non ritornerà mai più.
Un giorno il cui significato
dipenderà dal mio atteggiamento.
Donandomi questo giorno, o Signore,
tu mi offri tempo
per conoscermi meglio,
per definire le mie scelte,
per gioire, per soffrire e sperare.
Ti chiedo, o Signore, di starmi vicino.
Aiutami a valorizzare il dono del tempo,
a risvegliare in me i tuoi richiami di grazia.
Dammi tempo, o Signore,
per riflettere e pregare,
per ascoltare e perdonare,
per dare e ricevere,
per ricordare e sognare.
Soprattutto, o Signore,
dammi tempo per amare!
Signore, aiutami a santificare il tempo,
che è dono tuo,
non sciupandolo nell’ozio,
non mortificandolo in atti stupidi,
ma rischiandolo per servire,
per servirti sempre.
Amen!
                                   Anonimo

Tu sei esagerato, mio Dio!

Grazie, Signore,
perché tu non ci tieni prigionieri,
ma ci lasci andare,
anche se sai che ci perderemo.
Grazie, perché quando torniamo da te,
tu ci corri incontro,
non ci rinfacci niente,
ma ci butti le tue braccia al collo.
Grazie, Signore,
perché con noi tu hai sempre pazienza
e la tua pazienza è già il segno di una festa.
Grazie, Signore,
perché tu sei esagerato,
sei eccessivo nel volerci bene.
Ma l’amore vero è sempre così.
Come te.
Perché tu sei l’amore
e amandoci ci doni la tua vita.
Amen.

(Don Angelo Saporiti)

Euforia serale

Felice d’avere tutta una vita alle spalle
Felice di sorprendermi in vita ogni mattina
Felice di poter respirare, essere saggio e sereno
Felice finora di non esser troppo ammalato
Felice di aver tempo di pregare Dio
Felice di non esser attaccato a grandi cose
Felice di vedere tanta gente che mi vuol bene e mi cura
Felice di aver vissuto un’epoca straordinaria
Felice di vedere una Chiesa trasformata
Felice di sapere che ci sarà un seguito
Felice di arrivare alla fine e dire:…si avvicina
Felice di rientrare al porto dopo una lunga traversata
Felice di non aver che una preoccupazione, morire bene
Felice di non essere solo a condividere.
 
(fonte non specificata)

Costringimi alla bellezza, Signore!

Signore,
ti ringrazio,
perché adesso sento dentro di me
che tu ci sei
e che è bello stare con te.
Fa’ che non ti lasci mai.
Fa’ che mi ricordi di questo momento bello
anche quando sarò immerso
nelle cose brutte di tutti i giorni.
Tu, Signore, sei l’immenso che mi abita
la luce che mi illumina,
la bellezza che mi rasserena.
Resta con me,
resta con noi, Signore!
Resta con la tua bellezza
e rendimi capace
di lasciare nella mia vita
impronte di bontà e di armonia,
di dono e di sorriso.
Rendimi capace di scoprire la bellezza
che si svela nel saper perdonare
chi mi ha fatto soffrire.
A te, Signore,
che sei lo splendido,
il bellissimo in assoluto
chiedo solo che tu mi costringa alla bellezza,
che tu mi costringa a tirare fuori
tutto il bello e lo splendido che c’è in me.
Io ti lascerò fare, Signore.
E ti riscoprirò vivo.
E ti ritroverò risorto.
Amen.
(Don Angelo Saporiti)

Grazie, Signore

 
Grazie, Signore, per i fiori dei prati,
per il vento, per il mare,
per lo splendore dei campi di frumento.

Grazie, Signore, per il vero amore,
per i campi verdeggianti,
per l’aria, per il sole,
per l’azzurro del cielo,
per il Tuo amore.

Grazie, Signore, perché sei con noi,
anche quando noi non siamo con te.

Grazie, Signore, per tutti coloro
che con la loro vita semplice,
con le loro azioni generose,
e con il sorriso dell’amore,
hanno ispirato in noi un desiderio di santità.

Per tutto questo e per tutto
quello che ancora non comprendiamo
ma che un giorno sapremo,
grazie Signore.

(Pietro Lombardo)

Il tamtam dei cuori

Io lancio la mia gioia verso il cielo
come un volo d’uccelli!
L’ala della notte s’è allontanata
e io gioisco nella luce.
Ecco un nuovo giorno, un giorno ancora, Signore!
Il tuo sole ha bevuto la rugiada dei campi
e quella dei nostri cuori.
In noi, intorno a noi,
tutto è riconoscenza.
grazie, mio Dio,
per le gioie che mi dai
e prima di tutto
per quella di esistere.
Grazie
per il mio corpo
ogni giorno
più forte…
Mio Dio
mi rallegra il creato:
ovunque è la tua presenza…
Fa’ battere in noi
a lode tua
il tamtam
dei nostri cuori.
(Giovani Africani)